lunedì 24 ottobre 2011

Vecchie tradizioni e dolci tradizionali della mia Catania

In italia e soprattutto in sicilia questo periodo non precede Halloween ma "I morti" (2 novembre) Quando ero piccola io e miei cugini, la sera del 1 Novembre, andavamo dai nonni materni, in una stanza sistemavamo con cura delle tovagliette, ognuno la sua, e lasciavamo lì qualcosa di nostro in modo da capire di chi era la tovaglietta e poi subito nel "divano lettone" della cucina dei nonni, tutti insieme. Passavamo la nottata a guardare film horror (che spesso davano in tv in quel periodo) e a fantasticare su cosa "I morti" venuti a farci visita ci avrebbero lasciato in questa magica notte e dopo risate, paure e desideri ci addormentavamo all'alba.
Arrivato il mattino il primo che si svegliava neanche il tempo di pensarci su svegliava tutti gli altri e tutti insieme correvamo verso la stanza dove avevamo lasciato le nostre tovalgiette, ognuno si dirigeva nella sua e con gli occhi pieni di stelle ammiravamo i nostri doni, bambole, pentoline, o macchinine, giochi per bimbi insomma. Questi giochi erano sempre accompagnati da i dolci tipici Catanesi dei "Morti" ovvero le "Rame di Napoli" ma da noi Catanesi chiamati "Nucatole" questi dolci sono squisiti, originariamente vengono farciti da marmellate, ma per i più golosi ci sono anche quelli alla nutella... adesso, nel 2011 li troviamo anche al pistacchio o cioccolato bianco, beh eccovi la ricetta ;)



                                      VAI ALLA RICETTA








Una versione della "Rama di Napoli"